Scelga la sezione:      » Introduzione       |      » Rimedi omeopatici       |      » Terapie     

 Terapie__________________________________________________  _  __ __           
   
» Aromaterapia
    » I Fiori di Bach    » Gemmoterapia    » Litoterapia   » Nutriterapia   » Oligoterapia   » Organoterapia   » I Sali di Shuessler

I Sali di Shuessler  » definizione

I sali:


calcarea fluorica   -  calcarea phosphorica   -  calcarea sulfurica   -  ferrum phosphoricum
kalium muriaticum   -  kalium phosphoricum   -  kalium sulfuricum   -  magnesia phosphorica
natrum muriaticum   -  natrum phosphoricum   -  natrum sulfuricum   -  silicea



DEFINIZIONE


I sali di Schuessler sono 12 sali minerali identificati da W. H. Schuessler e definiti “preparati funzionali”, in quanto ognuno di essi eserciterebbe un’ influenza specifica sulle diverse funzioni.

Nel 1873 Schuessler pubblica il testo “Abrégé de Thérapeutiques Biochimiques”.
Egli definisce “Biochimica” la nuova metodica, in quanto i preparati utilizzati sono sali minerali la cui presenza è indispensabile alla costituzione e al buon funzionamento degli organi.

La teoria di Schuessler si basa sul fatto che la struttura e la vitalità degli organi del corpo umano dipendono da una quantità necessaria e da una composizione appropriata dei costituenti organici. Se si analizzano gli elementi che restano dopo combustione dei tessuti, si trovano dei costituenti inorganici che costituiscono il varo materiale di base dei tessuti e che sono essenziali alla integrità di strutture e di funzione dei tessuti stessi.

Secondo Schuessler le malattie si determinano quando si crea una deficienza nella quantità indispensabile di questi costituenti inorganici e si può riottenere l’ equilibrio con la somministrazione adeguata dei sali minerali carenti.

“I tessuti sono malati perché le cellule che li costituiscono non contengono più nelle proporzioni richieste le sostanze minerali che entrano nella loro costituzione. L’ apporto progressivo e a deboli dosi di queste sostanze consentirà alle cellule di ristabilire la loro integrità e vitalità”.

Apporto consigliato. E’ estremamente variabile per i singoli elementi e per lo stesso elemento in condizioni diverse. In generale, viene espresso in frazioni di mg o in mg.
  • Oligoterapia “farmacologica”
    Origini storiche. Negli anni ‘ 60 in alcuni lavori clinici viene proposto l’ uso farmacologico di alcuni elementi.
    Caratteristiche. Tale indirizzo utilizza dosi “farmacologiche” di un elemento, nel trattamento di alcune forme morbose particolari.
    Apporto consigliato. La quantità consigliata è nettamente superiore a quella dell’ integrazione alimentare ed è dell’ ordine dei mg.


  •  


     


     


     


     


     


     




    » Come raggiungerci


    » Clicchi qui per
       richiedere informazioni


    » Rservato ai medici


    » Chi siamo (home page)

     

       

    Dal 1732 - Il laboratorio - Omeopatia - Cosmesi - Farmacie di turno
       Copyright 2005 - tutti i diritti riservati - tutti i marchi registrati e i nomi menzionati appartengono ai rispettivi prpprietari   
      - Privacy -    
       Realizzato da VIAEMILIACENTRO